Categoria: Vicinanze

Cosa visitare a Potenza

Potenza conta quasi 70.000 abitanti e sorge a 819 metri sul livello del mare. La conoscenza di questa splendida città non può che iniziare dalla famosa  via Pretoria che tuttora rappresenta il cuore del centro storico lungo il cui tracciato si possono ammirare i principali simboli architettonici, artistici e culturali della città.

Partendo da Ovest si trova ciò che rimane del castello medievale, ossia la Torre Guevara, proseguendo verso Est, vi è il Duomo, dedicato al santo patrono risalente al XII secolo e Palazzo Loffredo  nelle cui belle sale accoglie il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu”, aperto nel 2005.
Raggiunta Piazza Matteotti, sulla sinistra troviamo l’Edicola di San Gerardo, costruita nel 1865 dallo scultore potentino Antonio Busciolano e a destra il Palazzo Comunale. Proseguendo per via Pretoria direzione est, sulla destra si erge la Chiesa della Santissima Trinità, una delle più antiche di Potenza e subito dopo si raggiunge  Piazza Mario Pagano, centro e punto di ritrovo di tutti i potentini. Sulla piazza si affacciano il Teatro Stabile, il Palazzo del Governo, e la duecentesca Chiesa di San Francesco.

Più avanti troviamo l’affascinante Chiesa di San Michele , chiesa romanica del V secolo e verso la fine di via Pretoria troviamo la cappella di Santa Lucia. Oltrepassata Portasalza, si intravede a sinistra il ponte Viggiani, che porta al Parco di Montereale, mentre a destra inizia via Mazzini dove è locata la splendida Villa del Prefetto e ancora più giù troviamo la Villa Comunale di Santa Maria (ex orto botanico con imponenti piante secolari) e la Chiesa di Santa Maria, poco più avanti troviamo La Pinacoteca Provinciale (alle spalle del nostro B&B) e il Museo Provinciale.

Le Porte di Potenza, rappresentano le antiche entrate al centro storico della città, intorno alle mura di cinta che la racchiudevano per la difesa dagli assalti nemici. Attualmente quelle “visibili” sono soltanto tre: Porta San Giovanni, Porta San Luca e Porta San Gerardo. Le altre porte furono abbattute nel corso dei secoli, per la modernizzazione del nucleo urbano della città, e sono: Portasalza, Porta Amendola e Porta Trinità. Infine non molti anni fa venne rinvenuta fortuitamente nel corso di alcuni scavi la Villa Romana di Malvaccaro caratterizzata da alcuni pregevoli mosaici. Sicuramente da gustare è la cucina locale, caratterizzata da pietanze semplici e genuine, da ottimi formaggi e salumi, e da molti piatti di origine campana. (foto e video).

VEDI

La sfilata dei Turchi

La “sfilata dei Turchi” si svolge a Potenza ogni 29 maggio, giorno che precede la festività del santo patrone San Gerardo. La leggenda vuole che nel 1111 proprio un miracolo di San Gerardo permise ai Potentini di respingere l’attacco dei Turchi che avevano risalito il fiume Basento fino a Potenza. Tale evento rappresenta un evento esemplificativo della forte commistione in Basilicata tra il sacro e il profano. La Parata parte da Piazza Beato Bonaventura (presso il Castello Guevara) e, al seguito di araldi e bambini vestiti da angeli, ci sono gli schiavi turchi che trainano la galea sulla quale ci sono tre bambini, uno dei quali rappresenta il Santo. Il corteo è seguito da giannizzeri e da saraceni che scortano, a loro volta, la carrozza sulla quale si trova sdraiato il Gran Turco. Chiude la sfilata, dopo il passaggio dei nobili, degli arcieri e degli sbandieratori, il tempietto di San Gerardo. La rievocazione è stata oggetto negli ultimi anni di molti rimaneggiamenti, ad esempio dal 2009 dopo oltre un secolo di abbandono viene riproposta la cosiddetta “Iaccara” che, portata a spalla da devoti che indossano il costume tradizionale potentino, alla fine del percorso, viene innalzata a braccia e bruciata in onore del Santo Patrono, ripetendo una simbologia apotropaica tipica dei riti pagani.

VEDI

“La Grancia di Brindisi di Montagna (PZ) e La storia Bandita”

‘La Storia Bandita’ è l’attrazione del parco della Grancia che da circa venti anni viene realizzato ogni sabato e domenica per tutto il periodo estivo. Il cine-spettacolo si svolge in un meraviglioso scenario naturale: l’anfiteatro è rivolto verso la scena, la montagna sormontata dalle rovine di un castello con la luna che spunta dal monte all’ora giusta per dare ulteriore charme all’ambientazione, su di essa vengono proiettate le immagini giganti e salienti della storia. Lo scenario naturale è sicuramente la parte più bella e ad effetto della serata. Il cine-spettacolo ‘La Storia Bandita’ racconta l’interessante storia del brigantaggio in Lucania e nell’Italia meridionale con una gran quantità di attori, esattamente 400 figuranti, 35 danzatori e 18 cavalieri. Insomma lo spettacolo della Grancia fa vivere grandi emozioni tra storia, natura e arte. Il nostro B&B Europa è a soli 10 km di distanza da questo splendido spettacolo conosciuto a livello internazionale.

VEDI

Volo dell’angelo – 30′

Castelmezzano e Pietrapertosa, sono due splendidi borghi medievali incastonati tra le rocce, al di sopra delle Dolomiti Lucane. Arrivati in uno dei due borghi, si avrà la possibilità di girare tra le abitazioni, di fare suggestive escursioni storico-naturalistiche, di degustare i prodotti locali ma soprattutto godersi lo splendido panorama circostante da una nuova visuale, insolita e soprattutto ricca di emozione. Un cavo d’acciaio sospeso tra le vette di questi due paesi permette di vivere un’esperienza ed un’emozione unica, “VOLARE”. Le due tratte del volo si percorrono in pochi minuti ma molto intensi, si vola da una altezza di circa 1000 m raggiungendo la velocità di 100 km/h. Il nostro B&B Europa è a soli 15 minuti di macchina da questa unica e splendida attrazione che in estate porta turisti da tutto il mondo, Non vi rimane altro che venirci a trovare e provare quest’emozione unica e rara. 

VEDI
-->